08 febbraio 2013

Somewhere in Time, parte II

Continua la serie di post dedicati alle macchine del tempo, iniziata due mesi fa (...porca vacca come passa il tempo) con la prima parte Caught Somewhere in Time, parte I e che proseguirà ancora in futuro.

[Timecop]


Jean-Claude Van Damme che salta nello spazio con una spaccata volante... siete ancora qui a leggere questo post, correte a vedervi il film!

[L'uomo che visse nel futuro]


Dalla mente di H. G. Wells, la ritroviamo nel formato 1960 e nel formato 2002 grazie al bisnipote di Wells (il regista Simon Wells), The Time Machine con protagonista Guy Pearce. Forse i più giovini ricordano l'episodio della serie The Big Bang Theory, The Nerdvana Annihilation.







8 commenti:

  1. Ricordo bene il secondo film, l'ho visto la prima volta un sacco di anni fa e mi colpì molto. Niente di trascendentale, però... forse è anche grazie a lui se i viaggi nel tempo e la fantascienza mi appassionano :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per chi ama la fantascienza è una specie di must. non vorrei dire cazzate ma credo che Wells sia stato uno dei primi a scrivere di viaggi nel tempo...

      Elimina
  2. in effetti ricordo solo la puntatat di BBT e manco perché sono giovane...

    RispondiElimina
  3. Risposte
    1. fichissimo.... basta pensare a Raj :)

      Elimina
  4. Ecco, quando divento ricco mi prenderò una riproduzione della macchina del tempo di "L'uomo che visse nel futuro" da tenere in salotto :O

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io sarò indeciso se tenere "quella" macchina del tempo in garage insieme alla DeLorean oppure in salotto insieme al Tardis...

      Elimina

ATTENZIONE!!! Ho dovuto inserire il test di verifica dei commenti perché mi sono ritrovato un numero spropositato di spam.